Rappresentanti genitori

RAPPRESENTANTI DI SEZIONE E DI CLASSE

Essere il rappresentante di classe o di sezione è un prezioso servizio che viene reso agli altri genitori, alla scuola ed alla comunità in generale.
È anche, però, un’occasione personale per capire meglio e per interagire con la scuola, in modo che essa non sia un luogo lontano e separato, ma quel mondo in cui i vostri figli vivono esperienze di apprendimento, affettive e relazionali per una grande parte del loro tempo.

Perché partecipare?

  1. Perché il diritto di partecipazione democratica dei genitori alla vita scolastica è una conquista che permette ai genitori di essere cittadini attivi e di contribuire ai cambiamenti
  2. Perché la legge (D.L.vo 297/94) riconosce ai genitori questo diritto e li identifica come parti della comunità scolastica.
  3. Perché la Costituzione (art. 30) riconosce i genitori quali responsabili dell’educazione dei figli

La scuola pubblica è la scuola di tutti e dipende dall’ impegno di tutti la possibilità di salvaguardarla e migliorarla.
Tutti i genitori iscritti nelle liste elettorali dell’Istituzione Scolastica hanno diritto di voto per eleggere loro rappresentanti in questi organismi. È diritto di ogni genitore proporsi per essere eletto.
Il rappresentante dei genitori è il principale intermediario tra le famiglie e gli organi collegiali della scuola.

I rappresentanti di classe vengono eletti, o riconfermati, una volta all’anno. Le elezioni sono indette dal Dirigente Scolastico entro il 31 ottobre. Tutti i genitori iscritti negli elenchi elettorali dell’Istituzione Scolastica sono elettori e tutti sono eleggibili.
Una volta eletti, i rappresentanti restano in carica fino alle elezioni successive (quindi anche all’inizio dell’anno seguente), a meno di non aver perso i requisiti di eleggibilità.
In caso di decadenza di un rappresentante di classe (per perdita dei requisiti o per dimissioni), il Dirigente nomina per sostituirlo il primo dei non eletti.
Le riunioni di questi organi sono almeno tre nel corso dell’anno scolastico. I Consigli di Classe, Interclasse e Intersezione si riuniscono comunque in tutti i casi in cui ci sono tematiche importanti da affrontare, su convocazione del Dirigente Scolastico o su richiesta della maggioranza dei suoi membri.

Per legge, il Consiglio di Classe, Interclasse e Intersezione ha i seguenti compiti:

  • Esaminare ed approvare la programmazione didattica elaborata dal team di docenti
  • Formulare proposte al Collegio dei Docenti in ordine all’azione educativa e didattica
  • Formulare proposte al Collegio dei Docenti in ordine ad iniziative di sperimentazione
  • Agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra genitori e docenti
  • Esprimere parere sull’adozione dei libri di testo (scuole Primaria e Secondaria di I grado)
  • Esprimere parere sul programma di sperimentazione metodologico-didattica proposto dai docenti
  • Verificare, in media ogni due mesi, l’andamento complessivo dell’attività didattica in attuazione alla programmazione educativa d’Istituto

Nei Consiglio di Classe, Interclasse e Intersezione a composizione mista non possono essere trattati casi singoli ma sempre problematiche generali riguardanti la vita della scuola.

Modifica la grandezza del carattere
Modifica il contrasto